Mappatura nei Milano: la miglior medicina è la prevenzione

La mappatura dei nei è un controllo dermatologico che permette di monitorare, nel corso del tempo, lo tato dei nei e di tutte quelle macchie che potrebbero mostrare caratteristiche sospette. Questa visita dermatologica specialistica andrebbe effettuata almeno una volta all’anno per prevenire melanomi e tumori della pelle altrimenti non diagnosticabili. L’Istituto Dermoclinico Vita Cutis permette di effettuare un approfondito controllo e un’attenta mappatura dei nei a Milano.

Cos’è un neo?

I nei sono delle anomalie della pelle, che si presentano come macchie di diverse dimensioni – da pochi millimetri a diversi centimetri – colorate o non, piane o in rilievo, congenite o per comparsa nel corso degli anni. Si possono localizzare in ogni zona del corpo e anche delle mucose (orali e genitali) e possono essere più o meno numerose a seconda della predisposizione genetica e dei fattori ambientali: esposizioni prolungate alla luce del sole e possibili ustioni in particolare nel periodo dell’infanzia. In generale rappresentano delle lesioni benigne e non è indispensabile asportarli.

Nei: quando preoccuparsi?

La presenza di nei è caratteristica tipica sul corpo di ogni individuo, ma in alcuni casi è bene prestare attenzione e sottoporsi a visite specialistiche per evitare che qualcuno di essi possa trasformarsi in melanoma. Sono molteplici i campanelli d’allarme che andrebbero sempre tenuti sotto controllo e potrebbero spingere a rivolgersi a un dermatologo e i principali sono:

  • asimmetria del neo diviso mentalmente in due parti
  • dimensione del neo superiore a mezzo centimetro di diametro
  • colore non omogeneo e non uniforme
  • quantità superiore ai 100 nei

Dolore, bruciore e prurito non sempre sono una manifestazione del melanoma.

Il Metodo ABCDE: tecniche di autocontrollo nei per tutti

È molto importante monitorare periodicamente i propri nei sia mediante visita dermatologica sia mediante autocontrollo. Uno dei metodi più accreditati per il controllo nei e che possiamo utilizzare anche da soli è il Metodo ABCDE: ad ogni lettera coincide un aspetto a cui dare particolare importanza.

A come Asimmetria

La regola dell’ ABCDE riassume nelle prime lettere dell’alfabeto le caratteristiche fisiologiche con cui si manifesta un neo: asimmetria, bordo, colore, dimensione e evoluzione. Grazie a queste particolarità è possibile comprendere se un neo è benigno o potenzialmente pericoloso. Vediamo come:

B come Bordi

I bordi dei nei sospetti non sono lineari, bensì frastagliati, irregolari e danno al neo la forma di una mappa.

C come Colore

Tra le caratteristiche più facili da individuare anche ad occhio nudo per comprendere se si tratta di melanoma o manifestazione benigna. I nei solitamente hanno un colore marrone testa di moro uniforme, mentre in caso di macchie scure che presentano sfumature o altre gradazioni come rosso, rosa, bruno, nero e persino blu, è necessario indagare con l’aiuto di uno specialista.

D come Diametro

I nei sospetti spesso presentano un diametro superiore a 6 mm. Anche se un neo cresce velocemente può esserci la necessità di un controllo quanto prima.

E come Evoluzione

C’è da preoccuparsi quando si nota un’evoluzione progressiva del neo e muta velocemente dimensioni, forma, spessore e colore.

Quando una di queste voci genera dubbi è consigliabile rivolgersi al consulto di un dermatologo che saprà individuare la natura della macchia grazie a una visita specialistica dermatoscopica.

Mappatura nei: come si fa?

La dermoscopia o dermatoscopia è indispensabile per valutare la natura di un neo. L’esame dermatoscopico viene effettuato attraverso l’utilizzo del dermoscopio o dermatoscopio, un piccolo microscopio da posizionare sulla pelle che dà la possibilità di esaminare a fondo le caratteristiche del neo e le strutture poste subito sotto l’epidermide superficiale.

All’Istituto Dermoclinico Vita-Cutis viene utilizzato un video dermatoscopico di ultimissima generazione (Fotofinder).

Grazie a questa tecnica di ermoscopia e al FotoFinder medicam 1000 si realizzano delle visite estremamente accurate dalle immagini nitide, precise e ad alto contrasto, con possibilità di ingrandimento fino a 140 volte e di obiettivi speciali per la diagnosi in fluorescenza e capillaroscopia. In questo modo la diagnosi che ne conseguirà è precisa e affidabile.

Le informazioni raccolte durante l’esame vengono analizzate ed eventualmente archiviate per poterle confrontare con gli esiti dei futuri controlli effettuati sui nei sospetti, come ad esempio quelli con struttura irregolare visibile anche a occhio nudo.

La mappatura dei nei è dolorosa?

L’esame per il controllo nei è indolore. Non è pericoloso né invasivo, non prevede controindicazioni e, per questo, può essere effettuato anche su donne in gravidanza.

Chi corre maggiormente il rischio di melanoma?

Il melanoma della pelle non colpisce i soggetti in base all’età o al sesso, ma alcuni individui corrono maggiormente il rischio di contrarlo a causa di caratteristiche che li contraddistinguono.

Esistono soggetti geneticamente più predisposti alla comparsa di nevi e che quindi e che sono invitati a controllare anche più di una volta all’anno le condizioni di salute della propria pelle. L’evoluzione di un nevo in melanoma potrebbe essere correlata ad una scorretta ed eccessiva esposizione solare nel corso degli anni.

È ormai risaputo che raggi infrarossi e UV sono responsabili di danni cutanei non indifferenti che spesso non è possibile individuare in gioventù, ma che possono comparire in età adulta, quando non è più possibile prevenirne le conseguenze. I soggetti con pelle chiara (fototipo I e II) sono i più a rischio quando si espongono al sole e necessitano sempre di una crema solare con SPF50. Le altre tipologie di pelle più olivastra e scura (fototipo III, IV, V, VI) non devono comunque abbassare la guardia poiché sono comunque a rischio.
Con il passare degli anni anche l’età può essere un fattore determinante nell’aumento di nei sulla pelle o l’ingrandimento di essi, perciò è importante prendersi sempre cura della cute, proteggendola dal sole (ottimi i solari che contengono la plusolina) e rivolgendosi a un dermatologo Milano almeno una volta all’anno.

Importante è valutare anche la quantità di nei presenti sulla cute. Alcuni soggetti possono essere geneticamente predisposti a questo tipo di inestetismi e devono di conseguenza monitorare la situazione con più attenzione e costanza.

Informazioni e prenotazioni

    Sidebar