Kleresca Milano: Terapia Biofotonica

La terapia biofotonica con metodo Kleresca è una nuova seduta non invasiva che agisce per scopi terapeutici ed estetici sulla cute, migliorandone l’aspetto e attenuando disturbi cutanei come acne, rosacea e invecchiamento cutaneo.

Che cos’è la terapia biofotonica?

La terapia biofotonica con metodo Kleresca deriva dal campo biofotonico, che prevede tra l’interazione tra fotoni e processi biologici cutanei. La terapia biofotonica Kleresca associa l’azione di una lampada multi-LED brevettata a un gel fotoconvertitore. Le particelle cromofore presenti nel gel, reagiscono non appena entrano in contatto le onde luminose emesse dalla lampada Kleresca, producendo energia dinamica, pulsante e fluorescente che aiuta a stimolare le attività cellulari della pelle, accelerando i processi riparatori e la produzione di collagene ed elastina.

Come si svolge la seduta di terapia biofotonica Kleresca?

La seduta di terapia biofotonica Kleresca, dura solo 9 minuti e garantisce risultati molti performanti. Scopriamo quali sono i passaggi fondamentali di questo trattamento:

  • Il primo step è applicare il gel fotoconvertitore sulla pelle correttamente detersa. Questo gel ricco di cromofori permette a tutte le lunghezze d’onda di penetrare nella pelle fino al derma, eliminando i batteri e stimolando il sistema di riparazione naturale della cute.
  • Il secondo step, rappresenta il cuore della seduta. 9 minuti in cui la pelle viene irradiata dalla luce multi-LED della lampada Kleresca che a contatto con il gel fotoconvertitore trasforma l’energia in fluorescenza, agenddo e stimolando le attività cellulari cutanee nel derma medio-profondo.
  • Il terzo step conclusivo, corrisponde con la rimozione del gel dalla cute e l’osservazione dei primi risultati.

La seduta è totalmente indolore e i risultati sono visibili sin da subito. Una volta rimosso il gel, la pelle risulta più turgida, luminosa e idratata. Prima di procedere con questo tipo di trattamento è comunque necessario richiedere una visita preventiva al proprio dermatologo Milano per verificare che sia la strategia più adatta al tipo di pelle del paziente.

Terapia biofotonica e acne

La terapia biofotonica ha dimostrato risultati sorprendenti nella cura dell’acne e delle cicatrici da acne. Il gel fotoconvertitore e le onde emesse dall’apposita lampada Kleresca agiscono riducendo la presenza dei batteri che causano l’acne (P. acnes) attenuando l’infiammazione e il rossore cutaneo e migliorando le cicatrici. La terapia biofotinica stimola infatti la produzione di collagene che aiuta a normalizzare l’attività cellulare, riducendo l’eccessiva produzione di sebo, tra le altre cause principali dell’acne e incentivando l’azione riparatrice delle cellule cutanee, che si traduce in cicatrici meno profonde ed evidenti. I risultati sono notevoli e duraturi anche in casi di acne medio aggressiva e acne tardiva. Il trattamento è consigliato per uomini e donne ed è efficace non solo sul viso, ma anche su dorso, torace o in altre parti del corpo dove si estende l’infiammazione.

Terapia biofotonica e rosacea

La terapia biofotonica risulta efficace anche nell’attenuazione dei sintomi della rosacea. Questo terapia poco invasiva è in grado di essere tollerata anche dalle pelli più sensibili, per questo motivo, e per i risultati sorprendenti ottenuti si è convertita in uno tra i migliori rimedi contro la rosaceaLa terapia biofotonica Kleresca, agisce incentivando una guarigione generale della pelle affetta da rosacea, attenuando l’infiammazione, la comparsa di brufoli e papule, riducendo la sensazione di prurito e dolore della cute. Microcircolazione ed eritema vengono ridotti notevolmente e il colorito della pelle risulta più omogeneo e uniforme. I risultati sono stati efficaci nella maggior parte dei pazienti anche in caso di rosacea evidente e acuta.

Terapia biofotonica e ringiovanimento cutaneo

Il metodo Kleresca è utilizzato anche nel trattamento antiaging. Come abbiamo anticipato, la terapia biofotonica riesce a stimolare la produzione di collagene, sostanza fondamentale per mantenere elasticità e idratazione cutanea. Durante la seduta si stimolano i processi biologici naturali quali attenuazione delle rughe sottili, incentivando la nuova produzione di collagene, riducendo pori dilatati e migliorando l’aspetto delle cicatrici. Prima di procedere con la terapia biofotonica ad azione antiage è bene chiedere consiglio al proprio dermatologo. In questa particolare seduta potrebbero verificarsi alcuni affetti collaterali come iperpigmentazione e leggero arrossamento. Solitamente questi effetti non sono permanenti e scompaiono dopo pochi giorni. I risultati sono visibili subito dopo la seduta, la pelle si mostra più luminosa, compatta e l’ovale è ridefinito e riempito.

Informazioni e prenotazioni

    Sidebar